Stufe convettive e riscaldamenti ad aria… il colpo di grazia per l’ asma e le tue allergie!!

Gli escrementi degli acari sono la prima causa di allergie, asma e irritazioni delle vie respiratorie e specialmente durante l’inverno tutti noi ne facciamo grandi scorpacciate.

Lo sapevi che l’acaro e’ uno degli insetti tra i più diffusi sul nostro pianeta?

Praticamente invisibili ad occhio nudo, ne esistono di infinite specie e riescono ad adattarsi ad ambienti climatici estremamente diversi; solo temperature estremamente basse (-50 gradi) possono scalfire la resistenza di questa minuscola macchina da guerra.

Ma fra tutte le specie di acaro esistenti quella che più dovremmo temere è l’acaro della polvere, che da millenni ha ormai trovato habitat sempre più confortevoli per proliferare proprio nelle nostre sempre più confortevoli abitazioni.

Infatti le temperature tra i 15 e i 25 gradi con tassi di umidità tra il 50 e il 65% sono per loro il paradiso; chiusi in un ambiente protetto come le mura domestiche, al riparo dalla luce solare (che temono) si riproducono in grande quantità nascosti tra i materassi, lenzuola, divani, tende, tappeti …. fanno una vita da nababbi…. già..  perché oltre al riparo e ogni comfort di cui hanno bisogno gli forniamo quotidianamente il loro cibo preferito, la nostra pelle morta che perdiamo a minuscole scaglie in maniera i continua ogni secondo della nostra vita.

E il risultato di questo continuo abbuffarsi della nostra pelle morta ovviamente è una produzione di feci continuo ed inesorabile. Logico no?

Ma dove sta il problema allora, dato che siamo da sempre abituati a convivere con questi invisibili ragnetti senza testa e tutta bocca? 

Il problema sta nel fatto che tra tutte le sostanze che compongono la polvere di casa, pelle umana, peli di animali, terriccio proveniente dall’esterno, filamenti di tessuti, muffe ecc.. le feci di acaro sono la parte più piccola e leggera ed è quindi più facile che possa stazionare in aria rispetto alla grande mole di polveri che invece rimane a terra o sui mobili.

Inoltre il motivo fondamentale per cui respirare le feci di acaro (e non solo) può essere per l’essere umano pericoloso, è che le feci di acaro contengono degli allergeni molto potenti per il nostro organismo, e proprio la loro microscopica struttura li rende più aggressivi una volta penetrati nelle vie respiratorie.

Asma, allergie e irritazioni alle vie respiratorie sono tra i problemi più comuni che l’ inalazione della polvere delle nostre case potrebbe procurarci, in particolar modo ai bambini. Purtroppo alcuni studi sembrano aver trovato correlazioni tra l’inalazione delle polveri con patologie anche più gravi.

Ma come proteggersi ?

Ci sono diversi sistemi per ridurre la proliferazione degli acari nelle abitazioni (qui cedo la parola google ed alle tue ricerche), ma la completa eliminazione è praticamente impossibile.

 

 

L’ argomento di oggi è: 

Quale collegamento esiste tra la tipologia di riscaldamento che decidi di avere in casa e la circolazione delle polveri nell’aria che respirerai ? 

Oggi voglio introdurti ad un argomento tanto complesso quanto intuitivo come la differenza tra CALORE CONVETTIVO e CALORE RADIANTE.

Come detto, sarà solo una piccola introduzione poiché questo argomento merita diversi approfondimenti che ho deciso di spezzettare in diverse puntate e se sei interessato le potrai leggere prossimamente.

Quindi rimani sintonizzato.

Visto che parliamo di acari, polvere e allergie oggi è sicuramente il caso di spiegarti (in maniera molto sintetica) che cosa sia il riscaldamento convettivo e del perché è un così valido alleato della circolazione della polvere nella tua casa e quindi delle feci di acaro.

La convezione non è altro che la trasmissione del calore attraverso l’aria. Ovvero è un sistema indiretto per trasmettere energia termica da un oggetto caldo ad un luogo più lontano.

Prendiamo l’esempio dei termosifoni, o di una stufa in acciaio o ghisa. Questi sistemi surriscaldano l’aria più vicina rendendola più leggera e secca, per questo motivo tende a salire velocemente verso il soffitto dell’abitazione spostando le masse di aria fredda (più pesanti) verso il basso ed innescando un moto convettivo dove l’aria fredda viaggia sul pavimento in direzione del corpo riscaldante e quella calda sul soffitto in allontanamento dal corpo che l’ha riscaldata.

Il moto convettivo sopra descritto contribuirà a sollevare la polvere da terra ed a farla circolare nell’aria aumentando le possibilità di respirarla.

Se a questo moto convettivo naturale dovessimo aggiungere un ventilatore , per esempio una stufa a pellet elettronica, un termoconvettore, un camino ventilato…. insomma se dovessi dare il turbo alla velocità dell’aria che circola, allora la quantità di polvere che si solleverà da terra sarà davvero notevole.

Quanta ne respirerai? Quanta ne mangerai? Fidati, TANTA!!!

Avete mai avuto la sensazione di gola secca ed irritata in un ambiente riscaldato in questo modo?

Ecco, allora avete capito di cosa sto parlando.

Diffidate anche di chi vi dice che il riscaldamento a pavimento non da questo problema perché è vero solo in parte. Sì, che lo chiamano anche riscaldamento radiante per il fatto che funziona a basse temperature (e quindi non surriscalda l’aria) e probabilmente non fa circolare la polvere a grandi altezze o in maniera veloce, ma crea un clima estremamente secco proprio nei primi 50-100 cm del pavimento, guarda caso la parte più calda è proprio dove si appoggia naturalmente la polvere (per effetto di gravità), e proprio le particelle più fini come le feci degli acari tendono a decollare in un clima così.

In una dei prossimi articoli ti spiegherò sempre in maniera semplicistica le grandi differenze che caratterizzano la salubrità di un riscaldamento radiante orizzontale (e non verticale). Credimi, la differenza è abissale ed anche il benessere che ne consegue.

Mettendo insieme le informazioni di questo articolo e dei prossimi potrai capire a fondo il perché parliamo spesso di salute e comfort quando parliamo di calore radiante donato da una stufa ad accumulo. “Una vera stufa ad accumulo”.

Tutto ti sembrerà più chiaro e reale.

Anche per oggi ti saluto calorosamente.

Valerio Silvestri

PS:

Lo sapevi che il calore radiante non è vantaggioso solamente per ridurre drasticamente la circolazione della polvere in casa ma è in grado di limitare se non addirittura eliminare la formazione della muffa sui muri?

Anche di questo te ne parlerò prossimamente in un articolo dedicato .

SE VUOI SAPERNE DI PIU’ COMPILA IL QUESTIONARIO DI FUOCOSPENTO E RICEVI LA GUIDA IN OMAGGIO

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...